Estratti

Estratto COME UN CIELO SENZA NUVOLE

Boston era incredibilmente fredda quella mattina, nonostante un sole tiepido illuminasse le sue strade trafficate.

A ogni angolo si potevano scorgere abeti agghindati da luci colorate, nelle vetrine dei negozi scintillavano abiti di stagione.

L’inverno era alle porte e con esso l’avvento del Natale. Gente in festa invadeva i marciapiedi, già in preda alla mania dell’acquisto compulsivo dei regali. O, forse, era solo Boston a essere così trafficata.

Era definita da sempre la più europea delle città americane e tutte le case di mattoncini rossi, come le tipiche abitazioni inglesi che avevo scorto dal finestrino durante il tragitto, ne erano la testimonianza. I pub, le sale da tè, ogni costruzione ricordava l’Inghilterra che avevo avuto modo di vedere solo da una delle tante riviste della nonna o su quei siti di fotografia su cui smanettavo giorno e notte.

Era nella mia piccola camera, nella campagna del Maine, che avevo scoperto e inseguito la passione per la fotografia, la stessa che mi aveva portata a chilometri di distanza da casa e dai nonni Wilcott.

Boston, oltre a essere una perfetta miscela di antico e moderno coi romantici vicoli di ciottoli, gli edifici storici, le chiese e i parchi spaziosi, aveva il vanto di custodire nel suo centro pulsante il college di Harvard. Lo stesso in cui avevo fatto richiesta di iscrizione al corso di Fotocamera computazionale e fotografia.

«Miss Bishop, siamo arrivati a destinazione».

Alzai lo sguardo puntandolo sul tassista. Era un uomo dal volto tondo e due occhi piccoli e neri che mi sorrideva cordiale dallo specchietto retrovisore.

Ero arrivata a destinazione. Nel quartiere più regale di Boston. Beacon Hill era la mia nuova dimora.

«Merda!».

Qui la scheda

Per acquistarlo clicca qui

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *