Estratti

Estratto UN MESE A NATALE

Sentii vibrare il cellulare. Corrugai la fronte perché non immaginavo chi potesse essere nel cuore della notte. Fissai il display e mi sentì mancare. Gabriele mi afferrò al volo prima che toccassi terra.
Le mani mi tremavano e riuscì a mala pena a pigiare il tasto di risposta e portai il cellulare all’orecchio.
La sua voce inconfondibile mi paralizzò del tutto. Non mi aspettavo una chiamata da lui e un sorriso mi si stampò sulle labbra, mentre le lacrime incessanti iniziarono a uscirmi dagli occhi.
«Pronto…»

 

Qui la scheda

Per acquistarlo clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *