Libri, Recensioni, Segnalazioni

Blue room hotel, Roberto Monti

  • Copertina flessibile : 101 pagine
  • ISBN-10 : 8894443825
  • ISBN-13 : 978-8894443820
  • Editore : Horti di Giano (13 agosto 2019)
  • Lingua: : Italiano
  • per acquistarlo clicca qui

Trama

Il sindaco di Tap Town, Jasmine Brune, con un emendamento speciale, proibisce l’utilizzo di carta e inchiostro a favore della pubblicazione digitale, unico mezzo legalizzato.Come per ogni cosa, nell’oscurità vi è sempre chi, in modo clandestino, continua a scrivere sulla carta, sempre più difficile da reperire.Fra questi, Billy Ray è il più astuto e irraggiungibile di tutti.Per debellare definitivamente gli scrittori di cartacei, il capo della polizia, Philipe Gore, organizza rastrellamenti ovunque per sequestrare tutti i libri cartacei presenti in città riuscendo ad impedire anche l’importazione dai centri abitati limitrofi.Oltre all’azione della polizia, diversi scrittori di cartacei vengono trovati uccisi e qualcosa li lega al più famoso albergo della città, il Blue Room Hotel, all’interno del quale vi è una misteriosa camera: la Stanza 14.Quando anche la morte di Billy Ray sopraggiunge, conseguenze oscure per il destino dei libri e della carta prendono a materializzarsi. Un noir che sfocia nel giallo, dal ritmo coinvolgente e dalle atmosfere cupe, dove i bassifondi la fanno da padrone, dove solo chi è invisibile riesce a sopravvivere.

Recensione

Un bellissimo romanzo noir/distopico che tratta un tema che in realtà è già molto attuale.

Un romanzo breve, poco più di cento pagine, ma denso di trama.

L’autore immagina un futuro in cui la carta, e quindi i libri, sono vietati. Un’epoca in cui la tecnologia sta prendendo il sopravvento è lo scenario perfetto per Tap Town: il potere è nelle mani della casa editrice digitale, guidata da Grant. 

Tutta la storia si concentra qui. in questa città. Il potere è incentrato nelle mani di gente arrivista e corrotta e le leggi che creano sono opinabili, ma nulla si può fare contro il marcio della società.

Gli scrittori si ritrovano disoccupati, disperati e senza futuro.

Adam, ex editore e ora senzatetto, si trascinerà per le strade fredde della sua città, fino ai bassifondi dove comandano i Ratti. Dimenticati da tutti.

Questo commercio di carta, spacciata come droga, in segreto, riesce a esprimere appieno la disperazione e tristezza nei cuori di chi ha la vera passione per i libri.

Anche io leggo molto in digitale, su eBook, ma non posso fare a meno una volta ogni tanto di leggere anche su carta. Quindi comprendo in pieno questa sensazione: la necessità di annusare e girare con mano le pagine di un libro, diventa di vitale importanza.

Che mondo sarebbe senza? Se lo chiede anche l’autore in questo romanzo, dove, oltre alla mancanza di materia prima, anche gli scrittori iniziano a scarseggiare perché muoiono pian piano tutti. Uno a uno. Tutto ruota intorno ad un hotel. 

Il Blue Room appunto. Dove tutto quello che accade al suo interno, resta omertoso. Tutti sanno. Nessuno parla. Eppure Adam andrà in quella stanza 14, cercando risposte con la certezza che non sarà affatto facile.

Dialoghi speciali, bei disegni all’inizio di ogni capitolo, ottima storia con un pizzico di suspance, raffinate descrizioni: poche ma dettagliate.

Una storia che coinvolge e fa riflettere: da leggere!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.