Libri, Recensioni, Segnalazioni

Il filo dell’eterno ritorno, Simone del Fiore

  • TITOLO: Il filo dell’eterno ritorno
  • AUTORE: Simone del Fiore
  • GENERE: Thriller
  • DATA DI USCITA: 16/04/2021
  • PAGINE: 184
  • PREZZO: 15,60

Trama

A seguito di un incidente in moto Abel finisce in coma per poco più di tre ore, durante le quali sogna sedici anni di un’altra vita. Nonostante abbia vissuto ogni singolo momento con la sua nuova famiglia, al risveglio si rende conto che nulla di ciò che aveva vissuto era reale. Ciò che lo sconvolge più di tutto è uno strano filo rosso legato al mignolo della sua mano, che solo lui vede e che non riesce a togliere. Questo sembra non avere fine ma ha paura di scoprire dove conduca. Quando si convince di essere impazzito, dopo quasi un anno di terapia per liberarsi del ricordo di una moglie e due figli mai avuti, accade l’inatteso. A pochi giorni dal primo anniversario dell’incidente, incontra una ragazza identica alla donna che ha sposato nella vita parallela e l’assurdo gli sembra divenire possibile.

Recensione

Un romanzo da leggere tutto d’un fiato, quello di Simone, edito Horti di Giano.
Trama fitta e intrigante: non vedi l’ora di scoprire il prima possibile come finisca per trovare spiegazioni e soluzioni a tutto quello che accade al fotografo Abel. Proprio come lui non riesci a fare a meno di scervellarti per capire cosa possa essere successo.
È passato quasi un anno dal suo incidente con la moto e, dopo qualche ora di coma, si era risvegliato. Peccato che lui abbia vissuto sedici anni in quelle poche ore e, con flashback temporali e sogni, riesce a ricordare la voce di sua moglie. Sa di avere due figli, ma sa anche di avere più anni di quello che in realtà ha. Ma come è possibile? È in cura da uno psicologo che cerca di convincerlo che nulla è reale. Eppure lui un giorno incontra la donna per davvero. Anche se lei ignora chi lui sia. Eppure non può sbagliarsi: sono legati da un sottile filo rosso annodato al mignolo. Un filo che vede solamente Abel.
Un romanzo che vortica nella mente del protagonista, dove ogni scena ha un suo perché . Abel è un fotografo di Madrid, ha anche un secondo lavoro per arrotondare, ha una mamma complicata, ma ha anche un grande amico che lo aiuta sempre. E allora perché sente che il suo destino sia già stato scritto? Si può modificare il proprio destino? Può desiderare di vivere la vita che aveva provato con una moglie al suo fianco, annullando la sua? Ma in fondo cosa vuol dire essere liberi nella propria vita? Quella sensazione di essere certo di qualcosa e avere paura di non essere creduto, quelle convinzioni che ti faranno aggrappare con i denti, contro tutto e tutti.

Belle le scene, belli i colpi di scena, intrigante trama che porterà fino all’ultima pagina del libro dove ne vorresti sapere ancora. Richiami filosofici e storici, di cultura ma anche psicologici, creativi sull’arte e culturali, tra le vie principali di Madrid. Un libro a cui non manca nulla.

E  che sono sicura vi lascerà altre domande e altre curiosità che vi spingeranno a saperne di più.

Da leggere!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.