Libri, Recensioni, Segnalazioni

Il merlo e il corvo: I racconti di Foce di Quinsia, Federico Foria

  • Dimensioni file : 1784 KB
  • Lunghezza stampa : 458 pagine
  • Word Wise : Non abilitato
  • Editore : Elison Publishing (5 agosto 2020)
  • ASIN : B08FBSLLJ8
  • per acquistarlo clicca qui

Trama

Alfredo Panico, 23 anni, lavora part-time nell’agenzia investigativa di famiglia: la No Panic. Il ragazzo e il padre Giancarlo sono chiamati da un misterioso cliente a ritrovare la sua vecchia amante, Matilde, e la figlia Magda. Il viaggio li porta in un paesino all’interno di una vallata dell’Italia nord occidentale, Foce di Quinsia.
A Quinsia vivono due specie di uccelli uniche. Si narra di una entità dominata dall’odio e dal rimorso, il Corvo Funereo, che accoglie Alfredo al suo arrivo, e di una entità dominata dal senso di giustizia e verità, il Merlo Sognatore.
Alfredo comincia a scoprire le terribili verità che si celano dietro la vallata di Quinsia e conosce una vecchia signora che gli offre l’immortalità in cambio della morte dei parassiti che infestano il suo territorio.
Alfredo conosce Magda, ragazza timida, ma piena di carattere e forza interiore. Comincia l’avventura e la lotta per la sopravvivenza dei due ragazzi contro la follia umana e la forza sovrannaturale della vecchia. Tranelli, misteri e sacrifici si susseguono fino allo scontro finale tra Alfredo e la vecchia, pronto a tutto per ricongiungersi con la ragazza e a salvare la vallata di Quinsia.

Recensione

Una famiglia come tante. Due genitori che si amano. Il padre un po’ burbero ma che a modo suo ama suo figlio. Una madre che muore per una malattia. Un figlio che studia ingegneria ma aiuta il padre con la sua agenzia investigativa.

Inizia in tranquillità il romanzo di Federico. Un nuovo caso per l’agenzia “No panic” porterà Alfredo e suo padre nello sconosciuto paese di Foce di Quinsia. Un paesino dimenticato da Dio, come dice il suo Sindaco. Pochi abitanti che si conoscono tutti per nome. Uniti da una grande tragedia: l’incendio nella fabbrica di matite dove morirono cento persone. Il cliente chiede di ritrovare l’amore della sua vita, ma che ha abbandonato vent’anni prima, dopo aver scoperto che era incinta. Matilde e Magda.

Alfredo, una volta sul posto, inizierà a indagare con l’aiuto di Magda su questo incendio che sembra avere ancora molti segreti in sospeso.

Un romanzo intenso da cui non sono riuscita a staccarmi fino all’ultima pagina. Inizialmente si ha la situazione sotto controllo: i tempi sono scanditi e precisi, come in un film noir. Sembra essere un caso come un altro, pagato anche profumatamente ma una voce esterna alla fine di ogni capitolo, con una semplice frase ci fa comprendere che tutto volgerà al peggio.

Una volta che Alfredo arriverà a Foce di Quinsia, il ritmo incalzerà sempre di più. Questo paese ha segreti, rancori nascosti ed altri ben evidenti e, con la scusa di fare un articolo per National Geographic, inizierà a confrontarsi con ognuno dei cittadini.

Le descrizioni dei luoghi e delle persone sono precise e accurate: l’autore non lascia nulla al caso, facendoci immedesimare completamente nella storia.

La trama è fitta e misteriosa e, dopo la sensazione di un noir e poi di un poliziesco, grazie all’indagine di Alfredo e alle interviste ai residenti del posto, si avrà l’adrenalina pura di un thriller, con una lotta contro il tempo per sopravvivere. Infine, abbiamo anche un tratto di occulto e esoterico, che sarà colonna portante della storia. Non manca nulla e rende questo romanzo unico nel suo genere. Si percepisce lo studio e la ricerca dell’autore, niente è lasciato al caso, rendendo questa storia realistica e fluida.

Alfredo è un giovane intelligente, perspicace e dal cuore sensibile: riuscirà a salvare questo paese da questa forza oscura? Riuscirà a scoprire cosa è successo realmente in quell’incendio? Riuscirà a concludere il caso?

Da leggere assolutamente!

By Secret_ed_00

2 Comments

  • Lorenzo.V

    Concordo, lettura assolutamente travolgente e con un grande valore di rilettura… la quantità di dettagli, enigmi lasciati aperti e spunti sui personaggi è incredibile, ma non ci si fa caso per la scorrevolezza del libro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *